Archivi tag: Thailandia

Io e i serpenti, non proprio quel che si dice una relazione di successo

La voglia di scrivere qualcosa riguardo ai serpenti, non proprio bestiole simpatiche, diciamolo pure, nasce dall’ultimo incontro ravvicinato capitato durante le ultime vacanze. Raccontandolo in famiglia, ho realizzato che nel corso della vita ho avuto parecchi incontri con i rettili, nessuno dei quali piacevole.

Sia ben chiaro che non li amo e francamente credo che non piacciano nemmeno a Dio, visto che li relega dalla parte del male. Solo il Buddha dimostra un certo benvolere nei confronti delle bestie striscianti. Ma forse lo fa per gratitudine verso quel gigantesco esemplare che, con il suo cappuccio aperto, lo protesse dalla pioggia battente mentre meditava.

Fossi stata al posto suo, sarei passata dalla meditazione alla morte.

La prima volta ero una ragazzina sui 10 o 12 anni e in compagnia di amici facevo una passeggiata per un bosco. Il sentiero era stretto e camminavamo in fila indiana, godendo della frescura in una giornata torrida. A un tratto qualcosa di lungo, nero e strisciante mi passò proprio davanti a piedi. Urlai con quanto fiato aveva in gola e inizia a saltare come fosse finita su un formicaio, reazione che, tra l’altro, ho tuttora.

La bestia si rivelò una biscia d’acqua, comunemente chiamata ratera dalle mie parti, perché mangia i ratti, altre deliziose creature. La biscia non è velenosa, e di certo è più terrorizzata lei di quanto sicuramente lo sia io, quindi non è la paura di morire avvelenata, ma è proprio il terrore del rettile in sé e per sé.

Qualche anno dopo, in Thailandia, mi portarono in un serpentario. Ora, vi chiederete, ma una che perde il senno alla sola vista di una biscia deve andare in un serpentario?

No, adesso non ci andrei nemmeno se mi pagassero fior di euro sull’unghia, ma allora non avevo alcun potere, inoltre ero la più piccola della compagnia e si sa che i più piccoli devono sempre accompagnare gli zii quando tutti gli altri non ne hanno voglia. Così, io e mio zio entrammo nel serpentario. Per prima cosa cercarono di mettermi un pitone intorno al collo, ma non ci sarebbe riuscito nemmeno Michael Bolton in una delle sue giornate migliori. Dopo la visita (io camminavo con le mani ai lati degli occhi per non vedere nulla), ci fecero accomodare nel piccolo anfiteatro fatto di pali, fronde di palma e scalinate di cemento, dove ci avrebbero raccontato e mostrato tutto sui serpenti.

Potete immaginarvi la mia gioia!

E non si sarebbe trattato di semplici bisce, ma di pitoni, vipere e soprattutto cobra reali. Bestiacce che raggiungono con facilità i 2 metri di lunghezza, il cui morso, ça va sans dire, è letale. Per onor di cronaca esiste anche un cobra sputatore, che invece di mordere vi sputa veleno da tre metri di distanza. Schifoso, repellente e maleducato pure.

Ebbene, lo spettacolo iniziò con una lotta che avrebbe deliziato Rudyard Kipling, mangusta vs cobra. Da allora ho sempre desiderato avere uno dei quegli esserini pelosi. In meno di cinque minuti, un cobra scuro, quasi marrone, cappuccio aperto e fauci spalancate, che scattava a una velocità impensabile, era diventato il pasto della mangusta. Morto e stecchito con i canini infilati nel collo.

Lo show serpentifero proseguì con l’ingresso di un ragazzetto con un altro cobra di un paio di metri attorcigliato sul braccio. Prima ci avevano spiegato che il veleno era già stato tolto dalle zanne, ciò nonostante un cobra rimane sempre un cobra. Soprattutto quando, stuzzicato dal ragazzo, si sollevò e aprì il famoso cappuccio.

Il suo padrone, non ancora contento, lo prese per la coda e lo lanciò verso il punto dove ero seduta. Tre balzi che avrebbero umiliato qualsiasi atleta olimpico e raggiunsi i posti più in alto dell’anfiteatro. Non mi buttai fuori dall’altra parte solo perché era un salto di tre o quattro metri. I due attori sul palco, il cobra e il suo domatore, non ricevettero nemmeno l’ombra di un’occhiata, tutta l’attenzione era su di me che saltellavo e strillavo come una gallina in un pollaio attaccato da una volpe.

E ne avrei decine di altre da raccontarvi, come quella di Lapo che con un pitone intorno al collo (lui non ne ha né paura né schifo) mi rincorse per un villaggio di Zanzibar urlando:

– Mamma, accarezzalo, è morbidissimo.

Oppure di quella sulla Piazza Jamaa el Fna a Marrakech.


Premetto che di giorno gli incantatori di serpenti mi mandavano in fibrillazione, ma il mio paziente marito riusciva in qualche modo a tenermi a bada, ma non quella sera, quando scappai urlando. Fuggivo da un venditore di oggetti di legno che mi rincorreva per scusarsi della crisi isterica che mi aveva provocato mostrandomi la sua mercanzia, nello specifico un serpente sinuoso come quelli veri. Per farsi perdonare, il poveretto voleva regalarmi proprio quel serpente che mi aveva tanto terrorizzato e lo sventolava con il braccio teso davanti a sé.

L’ultimo incontro è stato qualche giorno fa, a Ischia.

Io e mia madre ci avviavamo all’uscita del parco termale, un viale delimitato da grandi aiuole di piante e fiori. Con la coda dell’occhio ho intuito un movimento rapido. Mi sono girata giusto in tempo per vedere una biscia scendere da un’aiuola, salire su un altra e sparire nella vegetazione.

Modalità panico: ON.

Saltellavo qua e là gridando, agitavo le mani e mimavo la lunghezza del rettile, biascicando parole con un’espressione schifata in faccia.

Mia madre mi ha guardata con un misto di pena e pietà.

– Non ti senti bene?

– No, no, sto benissimo una biscia, lunga così, giù di qui, su di là, che schifo! Mamma, lunga così!

L’ho mollata su due piedi a chiedersi che diavolo mi avesse preso e sono partita di corsa verso il bagnino. Ho ripetuto la stessa identica scena e ottenuto un’occhiata del tipo: ma questa è uscita pazza?

Poi il ragazzone si è accorto che non stavo scherzando e ha chiamato chi di dovere.

Quindi, vi dovesse capitare di vedermi saltellare qua e là, urlare e sbraitare frasi striscianti, OCCHIO, nei paraggi c’è:

la bissia che strissia.